Salta al contenuto principale
Ente italiano di unificazione delle materie plastiche - Federato all'UNI
Piazza Leonardo Da Vinci n. 32 - 20133  Milano, Telefono:   02 23996540 - 02 23996541

Norme

Cliccando sul codice della norma si potrà accedere alla scheda dettagliata presente sul sito dell'UNI

Cerca nelle norme
Titolo
Numero

Sistemi di tubazioni di materia plastica - Linea guida per la definizione dei requisiti tecnico-funzionali dei sistemi di tubazioni in polietilene (PE)

Il rapporto tecnico fornisce agli Enti Pubblici, alle Società Concessionarie e a tutti gli interessati (tecnici, progettisti, produttori e imprese d'installazione) una linea guida da utilizzare come strumento di lavoro con le informazioni tecniche relative alle tubazioni in polietilene (PE). Descrive lo scenario tecnico in cui dovrebbero essere sviluppate le specifiche tecniche preparate dalle stazioni appaltanti operanti in tutto o in una parte del ciclo idrico integrato e inoltre, illustra le caratteristiche dei vari materiali che possono essere impiegati nella realizzazione di impianti ad uso industriale e civile per il trasporto e la distribuzione di fluidi in pressione. In appendice sono contenute le informazioni relative ad impianti per la raccolta dei reflui a gravità progettati con tubi in polietilene a parete piena.

Materie plastiche - Determinazione dell'indice di fluidità in massa (MFR) e dell'indice di fluidità in volume (MVR) dei materiali termoplastici - Parte 1: Metodo normalizzato

La norma specifica due procedure per la determinazione dell'indice di fluidità in massa (MFR) e dell'indice di fluidità in volume (MVR) dei materiali termoplastici in condizioni definite di temperatura e di carico. La procedura A è un metodo di misura in massa. La procedura B è un metodo di misura dello spostamento. Normalmente le condizioni di prova per la misura dell'indice di fluidità sono specificate nella norma relativa al materiale con riferimento alla presente parte della UNI EN ISO 1133. Le condizioni di prova generalmente impiegate per i materiali termoplastici sono elencate nell'appendice A. L'MVR è particolarmente utile quando si confrontano materiali con un diverso contenuto di carica e quando si confrontano termoplastici caricati e non caricati. L'MFR può essere determinato dalle misure di MVR, o viceversa, purché sia nota la densità di fusione alla temperatura di prova.

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Polipropilene (PP) - Parte 2: Tubi

La norma specifica i requisiti dei tubi di polipropilene (PP) dei sistemi di tubazioni destinati alle installazioni di acqua calda e fredda all'interno degli edifici per il trasporto di acqua sia per uso umano (sistemi domestici) che non e per riscaldamento, a pressioni e temperature di servizio corrispondenti alla classe di applicazione (vedere UNI EN ISO 15874-1, Prospetto 1).

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Polipropilene (PP) - Parte 1: Generalità

La norma specifica gli aspetti generali dei sistemi di tubazioni di polipropilene (PP) destinati alle installazioni di acqua calda e fredda all'interno degli edifici per il trasporto di acqua sia per uso umano (sistemi domestici) che non e per riscaldamento, a pressioni e temperature di servizio corrispondenti alla classe di applicazione.

Materie plastiche - Determinazione della conduttività termica e della diffusività termica - Parte 2: Metodo della sorgente piana transitoria (disco caldo)

La norma specifica un metodo per la determinazione della conduttività termica e della diffusività termica, e quindi della capacità termica specifica per unità di volume delle materie plastiche. La disposizione sperimentale può essere progettata per adattarsi alle diverse dimensioni dei campioni. Le misure possono essere effettuate in ambienti gassosi e sotto vuoto, a una gamma di temperature e pressioni. Questo metodo fornisce linee guida per provare materiali omogenei e isotropi, nonché materiali anisotropi con struttura monoassiale. L'omogeneità del materiale si estende a tutto il provino e non sono presenti barriere termiche (eccetto quelle vicino alla sonda) entro un intervallo definito dalla/e profondità di sondaggio (vedere 3.1). Il metodo è adatto a materiali con valori di conducibilità termica, λ, compresi nell'intervallo approssimativo di 0,010 W∙m-1∙K-1 < λ < 500 W∙m-1∙K-1, valori di diffusività termica, α, compresi nell'intervallo 5 × 10-8 m2∙s-1 < α < 10-4 m2∙s-1, e per le temperature, T, nell'intervallo approssimativo 50 K < T < 1 000 K.

Materie plastiche - Aspetti ambientali - Vocabolario

La norma specifica i termini e le definizioni nel campo delle materie plastiche relative agli aspetti ambientali e fornisce un vocabolario comune per: - materie plastiche a base biologica - biodegradabilità - impronta di carbonio e ambientale - economia circolare; - progettazione; - materie plastiche in ambienti naturali; - riutilizzo e riciclo; - gestione dei rifiuti. La norma si propone di fornire un glossario completo che utilizzi le definizioni applicabili fornendo, ove opportuno, note aggiuntive per rendere tali definizioni comprensibili senza fare riferimento ad altri documenti. Le definizioni sono state adottate, per quanto possibile, dalle norme esistenti, ma quando l'intenzione originale o la definizione non è chiara, vengono forniti un contesto o definizioni aggiuntive.

Tubi di poliolefine per il trasporto di fluidi - Determinazione della resistenza alla propagazione della fessura - Metodo di prova per la propagazione lenta della fessura di tubi con intagli

La norma specifica un metodo per la determinazione della resistenza alla propagazione lenta di una fessura in un tubo di poliolefine, espressa in funzione del tempo di rottura per mezzo di una prova di pressione idrostatica su un tubo con intagli longitudinali per lavorazione meccanica sulla sua superficie esterna. La prova è applicabile a tubi con spessore di parete maggiore di 5 mm.

Materie plastiche - Film di materia plastica - Determinazione della resistenza alla lacerazione utilizzando un campione di prova trapezoidale con incisione

La norma specifica un metodo per determinare la resistenza alla lacerazione di un film di materia plastica in condizioni specifiche. È applicabile a prodotti che, a causa della loro flessibilità, non si strappano quando vengono serrati tra le morse di una macchina per prove di trazione. Il metodo consente di confrontare campioni di prodotti diversi, purché il loro spessore non differisca di oltre il 10%.

Materie plastiche - Impronta climatica (carbon footprint) e ambientale di materie plastiche a base biologica - Parte 1: Principi generali

La norma specifica i principi generali e i limiti del sistema per l'impronta climatica (carbon footprint) e ambientale dei prodotti di materia plastica a base biologica. È un'introduzione e un documento guida alle altre parti della serie UNI EN ISO 22526. Questa norma è applicabile a prodotti in plastica e materie plastiche, resine polimeriche, che sono basati su costituenti a base biologica o fossile.

Materie plastiche - Lastre ottenute per stampaggio a compressione di polietilene (PE-UHMW, PE-HD) - Requisiti e metodi di prova

La norma specifica i requisiti ed i metodi di prova per le lastre solide piane ottenute per stampaggio a compressione di polietilene (PE-UHMW e PE-HD, vedere UNI EN ISO 1043-1) senza cariche e materiali di rinforzo. La norma si applica solamente a spessori compresi fra 10 mm e 200 mm.

Vuoi associarti a Uniplast?

Contattaci per avere maggiori informazioni e ricevere il modulo di iscrizione.