Salta al contenuto principale
Ente italiano di unificazione delle materie plastiche - Federato all'UNI
Piazza Leonardo Da Vinci n. 32 - 20133  Milano, Telefono:   02 23996540 - 02 23996541

Materie plastiche rinforzate con vetro tessile - Preimpregnati, compound per stampaggio e laminati - Determinazione del contenuto di vetro tessile e di carica minerale con metodi di calcinazione

Area soci

Norme

Cliccando sul codice della norma si potrà accedere alla scheda dettagliata presente sul sito dell'UNI
Materie plastiche - Determinazione della massa apparente dei materiali da stampaggio che non possono fluire liberamente attraverso un imbuto appropriato
Sistemi di tubazioni di materia plastica - Raccordi meccanici per sistemi di tubazioni in pressione - Specifiche
Materie plastiche - Provini
Sistemi di tubazioni di materia plastica per scarichi (a bassa e alta temperatura) all'interno dei fabbricati - Policloruro di vinile clorurato (PVC-C) - Parte 2: Guida per la valutazione della conformità
Materie plastiche - Determinazione della resistenza all'urto-trazione
UNI EN ISO 1172:2023

La norma specifica due metodi di calcinazione per la determinazione del contenuto di vetro tessile e di carica minerale di materie plastiche rinforzate con vetro: - Metodo A: per la determinazione del contenuto di vetro tessile quando non sono presenti cariche minerali. - Metodo B: per la determinazione del contenuto di vetro tessile e di carica minerale quando sono presenti entrambi i componenti. La norma è applicabile alle seguenti tipologie di materiale: - preimpregnati costituiti da filati, roving, nastri o tessuti; - compound per stampaggio SMC, BMC e DMC; - granuli e materiali termoplastici per stampaggio rinforzati con tessuto in vetro; - laminati in tessuto di vetro caricati o non caricati realizzati con resine termoindurenti o termoplastiche. I metodi non si applicano ai seguenti tipi di materia plastica rinforzata: - quelli contenenti rinforzi diversi dal vetro tessile; - quelli contenenti materiali che non bruciano completamente alla temperatura di prova (ad esempio, quelli a base di resina siliconica); - quelli contenenti cariche minerali che si degradano a temperature inferiori alla temperatura minima di calcinazione.

Vuoi associarti a Uniplast?

Contattaci per avere maggiori informazioni e ricevere il modulo di iscrizione.