Salta al contenuto principale
Ente italiano di unificazione delle materie plastiche - Federato all'UNI
Piazza Leonardo Da Vinci n. 32 - 20133  Milano, Telefono:   02 23996540 - 02 23996541

Materie plastiche - Determinazione della resistenza all'urto-trazione

Area soci

Norme

Cliccando sul codice della norma si potrà accedere alla scheda dettagliata presente sul sito dell'UNI
Materie plastiche - Determinazione della massa apparente dei materiali da stampaggio che non possono fluire liberamente attraverso un imbuto appropriato
Sistemi di tubazioni di materia plastica - Raccordi meccanici per sistemi di tubazioni in pressione - Specifiche
Materie plastiche - Provini
Sistemi di tubazioni di materia plastica per scarichi (a bassa e alta temperatura) all'interno dei fabbricati - Policloruro di vinile clorurato (PVC-C) - Parte 2: Guida per la valutazione della conformità
Materie plastiche - Determinazione della resistenza all'urto-trazione
UNI EN ISO 8256:2024

La norma specifica due metodi (metodo A e metodo B) per la determinazione della resistenza all' urto-trazione delle materie plastiche in condizioni definite. Le prove possono essere descritte come prove di trazione a velocità di deformazione relativamente elevate. Questi metodi possono essere utilizzati per materiali rigidi (come definiti nella norma UNI EN ISO 472), ma sono particolarmente utili per materiali troppo flessibili o troppo sottili per essere sottoposti a prove con prove d' urto conformi alla serie ISO 179 o ISO 180. Questi metodi vengono utilizzati per studiare il comportamento di campioni specifici a velocità d'impatto specificate e per stimare la fragilità o la tenacità dei campioni entro i limiti inerenti alle condizioni di prova. I metodi sono applicabili sia a provini preparati da materiali da stampaggio, sia da provini prelevati da prodotti finiti o semilavorati (ad esempio pezzi stampati, laminati, o lastre estruse o colate). I risultati ottenuti provando provini stampati di diverse dimensioni non sono necessariamente gli stessi. Allo stesso modo, è possibile che i campioni tagliati da prodotti stampati non diano gli stessi risultati dei campioni delle stesse dimensioni stampati direttamente dal materiale. I risultati delle prove ottenuti da campioni preparati da composti (compound) per stampaggio non possono essere applicati direttamente a pezzi stampati di qualsiasi forma, poiché i valori possono dipendere dalla progettazione dello stampo e dalle condizioni di stampaggio. I risultati ottenuti con il metodo A e il metodo B possono o meno essere comparabili. I metodi non sono adatti per essere utilizzati come fonte di dati per calcoli di progettazione sui componenti. Le informazioni sul comportamento tipico di un materiale possono tuttavia essere ottenute provando diversi tipi di provini preparati in condizioni diverse e sottoposti a prova a temperature diverse. I due diversi metodi sono adatti sia per il controllo della produzione che per il controllo della qualità.

Vuoi associarti a Uniplast?

Contattaci per avere maggiori informazioni e ricevere il modulo di iscrizione.