Salta al contenuto principale
Ente italiano di unificazione delle materie plastiche - Federato all'UNI
Piazza Leonardo Da Vinci n. 32 - 20133  Milano, Telefono:   02 23996540 - 02 23996541

Materie plastiche - Determinazione del comportamento dei materiali plastici rigidi alla perforazione per urto - Parte 2: Prova per perforazione strumentale

Area soci

Norme

Cliccando sul codice della norma si potrà accedere alla scheda dettagliata presente sul sito dell'UNI
Materie plastiche - Determinazione della massa apparente dei materiali da stampaggio che non possono fluire liberamente attraverso un imbuto appropriato
Sistemi di tubazioni di materia plastica - Raccordi meccanici per sistemi di tubazioni in pressione - Specifiche
Materie plastiche - Provini
Sistemi di tubazioni di materia plastica per scarichi (a bassa e alta temperatura) all'interno dei fabbricati - Policloruro di vinile clorurato (PVC-C) - Parte 2: Guida per la valutazione della conformità
Materie plastiche - Determinazione della resistenza all'urto-trazione
UNI EN ISO 6603-2:2023

La norma specifica un metodo di prova per la determinazione del comportamento alla perforazione per urto delle materie plastiche rigide in forma di provini piani, utilizzando strumenti per la misurazione della forza e della deflessione. Si applica se un diagramma forza-deflessione o forza-tempo, registrato alla velocità nominale costante del percussore, è necessario per la caratterizzazione dettagliata del comportamento all'impatto. Il metodo di prova è applicabile a provini con uno spessore compreso tra 1 mm e 4 mm. Il metodo è adatto per l'uso con i seguenti tipi di materiale: - materiali termoplastici rigidi per stampaggio ed estrusione, compreso compound e lastre con cariche, senza cariche e rinforzati; - materiali rigidi termoindurenti per stampaggio ed estrusione, compreso compound con cariche e rinforzati, lastre e laminati; - compositi termoindurenti e termoplastici rinforzati con fibre che incorporano rinforzi unidirezionali o multidirezionali come stuoie, tessuti intrecciati, stuoie tessute, fili tagliati, rinforzi combinati e ibridi, stuoie, fibre macinate e fogli realizzati con materiali pre-impregnati (prepregs). Il metodo è applicabile anche a provini stampati o ricavati da prodotti finiti, laminati e lastre estruse o colate.

Vuoi associarti a Uniplast?

Contattaci per avere maggiori informazioni e ricevere il modulo di iscrizione.