Salta al contenuto principale
Ente italiano di unificazione delle materie plastiche - Federato all'UNI
Piazza Leonardo Da Vinci n. 32 - 20133  Milano, Telefono:   02 23996540 - 02 23996541

Norme

Cliccando sul codice della norma si potrà accedere alla scheda dettagliata presente sul sito dell'UNI

Cerca nelle norme
Titolo
Numero

Sistemi di tubazioni di materia plastica per scarichi (a bassa ed alta temperatura) all'interno della struttura dell’edificio - Policloruro di vinile non plastificato (PVC-U) - Parte 2: Guida per la valutazione della conformità

La specifica tecnica fornisce una guida per la valutazione della conformità di materiali (compounds/formulazioni), prodotti ed assiemi in conformità alla UNI EN 1329-1 destinata ad essere inclusa nel piano per la qualità del fabbricante come parte del sistema di gestione per la qualità e per la definizione delle procedure di certificazione

Sistemi di tubazioni di materiali termoplastici per applicazioni interrate non in pressione - Metodo di prova per la tenuta delle giunzioni del tipo con guarnizione ad anello elastomerico

La norma specifica un metodo di prova per la determinazione della tenuta idraulica delle giunzioni del tipo con guarnizione ad anello elastomerico per sistemi di tubazioni di materiali termoplastici per scarichi interrati non in pressione.
Se non diversamente specificato nella norma di riferimento, le prove sono eseguite di base alle seguenti pressioni di prova:
- p1: pressione dell'aria interna negativa (vuoto parziale);
- p2: una bassa pressione idrostatica interna;
- p3: una più elevata pressione idrostatica interna.

Descrive inoltre le seguenti quattro condizioni di prova in cui le prove sono eseguite:
a) Condizione A: senza alcuna deviazione diametrale o angolare aggiuntiva;
b) Condizione B: con deflessione diametrale;
c) Condizione C: con deflessione angolare;
d) Condizione D: con contemporanea deviazione angolare e diametrale.
La selezione applicabile della(e) pressione(i) di prova e della(e) condizione(i) di prova è specificata nella norma di riferimento.

Materie plastiche - Metodi di esposizione alla radiazione solare - Parte 3: Irraggiamento solare intensificato per mezzo della radiazione solare concentrata

La norma specifica un metodo per l'esposizione diretta delle materie plastiche alla radiazione solare concentrata usando concentratori riflettenti per accelerare i processi degli agenti atmosferici. Lo scopo è valutare le variazioni prodotte nelle proprietà dopo stadi specifici di una simile esposizione. I concentratori riflettenti impiegati in queste esposizioni sono a volte indicati come "riflettori di Fresnel" poiché nella sezione trasversale la disposizione degli specchi usati per concentrare la radiazione solare assomiglia alla sezione trasversale di una lente di Fresnel.
Le linee guida generali riguardanti l'ambito della serie delle UNI EN ISO 877 sono fornite nella UNI EN ISO 877-1

Compositi di materiali a base di cellulosa e di materiali termoplastici [comunemente chiamati compositi legno-plastica (WPC) o compositi di fibra naturale (NFC)] - Determinazione della dimensione delle particelle di materiale ligocellulosico

La specifica tecnica specifica i metodi di prova meccanici e ottici per la determinazione della dimensione delle particelle di materiale lignocellulosico per l'uso in compositi di legno-plastica (WPC) e materiali compositi in fibre naturali (NFC).

Sistemi di tubazioni di materia plastica per la sostituzione senza scavo di reti di tubazioni interrate - Parte 1: Sostituzione sulla linea mediante rompi tubo (pipe bursting) ed estrazione del tubo

 La norma specifica i requisiti e i metodi di prova per i tubi e i raccordi che fanno parte di sistemi di tubazioni in materia plastica per la sostituzione senza scavo delle reti interrate di fognature e scarichi non in pressione e in pressione e delle reti interrate di distribuzione dell’acqua e del gas, mediante rompi tubo (pipe bursting) e estrazione di tubi.
È applicabile a tubi e raccordi in polietilene (PE), così come prodotti, nonché al sistema di sostituzione installato.
La norma è destinata all'uso in combinazione con le norme applicabili per la costruzione dei sistemi di tubazioni in PE, ove disponibili.
Riguardo ai tubi frabbricati è applicabile a tre diversi tipi di tubi in PE:
- tubi monostrato a parete solida in PE (diametro esterno nominale, dn), comprese eventuali strisce di identificazione;
- tubi in PE con strati coestrusi sia all'esterno e/o all'interno del tubo (diametro esterno totale, dn), in cui tutti gli strati hanno lo stesso valore di MRS;
- tubi in PE (diametro esterno, dn) con uno strato supplementare pelabile di materiale termoplastico e contiguo all'esterno del tubo ("tubo rivestito").
Inoltre, è applicabile a:
- assiemi di tubi lunghi mediante giunzione per fusione di testa;
- assiemi di tubi lunghi mediante giunzione per elettrofusione;
- raccordi fabbricati e stampati a iniezione in PE.
Tubi fabbricati con altre materie plastiche, ad es. vetroresina, non rientrano nell'ambito della presente norma.

Sistemi di tubazioni di materia plastica per la sostituzione senza scavo di reti di tubazioni interrate - Parte 2: Sostituzione della linea mediante perforazione orizzontale direzionale e siluro battente (impact moling)

La norma specifica i requisiti e i metodi di prova per i tubi e i raccordi che fanno parte di sistemi di tubazioni in materia plastica per la sostituzione senza scavo delle reti interrate di fognature e scarichi non in pressione e in pressione e delle reti interrate di distribuzione dell’acqua e del gas, mediante perforazione orizzontale direzionale e siluro battente (impact moling).
È applicabile a tubi e raccordi in polietilene (PE), così come prodotti, nonché al sistema di sostituzione installato.
La norma è destinata all'uso in combinazione con le norme applicabili per la costruzione di sistemi di tubazioni in PE, ove disponibili.
Riguardo ai tubi fabbricati è applicabile a tre diversi tipi di tubi in PE:
- tubi monostrato a parete solida in PE (diametro esterno nominale, dn), comprese eventuali strisce di identificazione;
- tubi in PE con strati coestrusi sia all’esterno e/o all'interno del tubo (diametro esterno totale, dn), in cui tutti gli strati hanno lo stesso valore di MRS;
- tubi in PE (diametro esterno, dn) con uno strato aggiuntivo di materiale termoplastico e contiguo all'esterno del tubo ("tubo rivestito").
Inoltre, è applicabile a:
- assiemi di tubi lunghi mediante giunzione per fusione di testa per formare elementi continui prima dell’installazione;
- raccordi fabbricati e stampati ad iniezione in PE.
Tubi fabbricati con altre materie plastiche, ad es. Polipropilene (PP), non rientrano nell'ambito di questa norma.

Materie plastiche - Resine allo stato liquido o in emulsioni o in dispersioni - Determinazione della viscosità apparente mediante il metodo del viscosimetro a monocilindro rotante

La norma specifica un metodo per determinare la viscosità apparente delle resine allo stato liquido usando un viscosimetro rotazionale monocilindrico.
Il metodo può essere utilizzato per misure di viscosità nell'intervallo da 0,02 Pa · s a 60 000 Pa · s.
La norma è applicabile sia ai liquidi newtoniani che a quelli non newtoniani e la viscosità apparente misurata dipende dal gradiente di velocità a cui i liquidi sono sottoposti durante la misurazione.

Materie plastiche - Materiali a base di poliossimetilene (POM) per stampaggio ed estrusione - Parte 1: Sistema di designazione e base per specifiche

La norma stabilisce un sistema di designazione per i materiali termoplastici di poliossimetilene (POM), che può essere utilizzato come base per specifiche.
I tipi di materiali in poliossimetilene (POM) si differenziano tra di loro mediante un sistema di classificazione basato su livelli appropriati delle seguenti proprietà di designazione:
a) indice di fluidità in massa o indice di fluidità in volume;
b) modulo di trazione e informazioni sui parametri dei polimeri di base, l'applicazione prevista, il metodo di lavorazione, le proprietà importanti, gli additivi, i coloranti, i riempitivi e i materiali di rinforzo.
La norma si applica a tutti gli omopolimeri di poliossimetilene e ai copolimeri di poliossimetilene e miscele (blends) di polimeri contenenti poliossimetilene.
Si applica ai materiali pronti per l'uso normale sotto forma di polvere, granuli o pellet e ai materiali non modificati e modificati da coloranti, additivi, riempitivi, ecc.
Materiali che hanno la stessa designazione non implica che abbiano necessariamente le stesse prestazioni.

Materie plastiche - Materiali a base di poliossimetilene (POM) per stampaggio ed estrusione - Parte 2: Preparazione dei provini e determinazione delle proprietà

La norma specifica i metodi di preparazione dei provini e i metodi di prova da utilizzare per determinare le proprietà dei materiali a base di poliossimetilene (POM) per stampaggio ed estrusione. Sono riportati i requisiti per la movimentazione dei materiali di prova e per il condizionamento sia per il materiale di prova prima dello stampaggio sia per i provini prima della prova. Sono descritti i procedimenti e le condizioni per la preparazione dei provini e sono specificati i procedimenti per misurare le proprietà dei materiali di cui i provini sono fatti.
Sono elencate le proprietà e i metodi di prova che sono adatti e necessari per caratterizzare i materiali a base di poliossimetilene (POM) per stampaggio ed estrusione.
Le proprietà sono state selezionate dai metodi di prova generali. In questa norma sono inclusi anche altri metodi di prova ampiamente utilizzati o di particolare importanza per questi materiali per stampaggio ed estrusione, così come le proprietà di designazione: indice di fluidità e modulo di trazione.
Al fine di ottenere risultati riproducibili e confrontabili, è necessario utilizzare i metodi di preparazione e di condizionamento, le dimensioni dei campioni e le procedure di prova, quì specificati.
I valori determinati non saranno necessariamente identici a quelli ottenuti utilizzando campioni di dimensioni differenti o preparati con procedure diverse.

Materie plastiche - Calorimetria differenziale a scansione (DSC) - Parte 3: Determinazione della temperatura e della entalpia di fusione e di cristallizzazione

La norma specifica un metodo per la determinazione delle temperature e delle entalpie di fusione e di cristallizzazione delle materie plastiche cristalline o parzialmente cristalline

Vuoi associarti a Uniplast?

Contattaci per avere maggiori informazioni e ricevere il modulo di iscrizione.