Salta al contenuto principale
Ente italiano di unificazione delle materie plastiche - Federato all'UNI
Piazza Leonardo Da Vinci n. 32 - 20133  Milano, Telefono:   02 23996540 - 02 23996541

Norme

Cliccando sul codice della norma si potrà accedere alla scheda dettagliata presente sul sito dell'UNI

Cerca nelle norme
Titolo
Numero

Sistemi di tubazioni di materia plastica per scarichi e fognature interrati non in pressione - Policloruro di vinile non plastificato (PVC-U), polipropilene (PP) e polietilene (PE) - Parte 3: Valutazione della conformità

La specifica tecnica fornisce una guida per la valutazione della conformità di materiali (compound/formulazioni), prodotti, giunzioni e assiemi secondo le parti applicabili di UNI EN 13598-1 e UNI EN 13598-2 da includere nel piano di qualità del fabbricante come parte del sistema di gestione della qualità e per stabilire le procedure di certificazione.
La specifica tecnica unitamente alla UNI EN 13598-1 e alla UNI EN 13598-2, si applica ai raccordi ausiliari interrati di drenaggio, inclusi i pozzetti di ispezione accessibili al personale e le camere di ispezione.

Serbatoi e contenitori di materie plastiche rinforzate con fibre di vetro (PRFV) per uso fuori terra - Parte 1: Materie prime - Condizioni di specifica e criteri di accettazione

La norma fornisce i requisiti per le specifiche e le condizioni di accettazione delle materie prime per serbatoi e contenitori in PRFV con o senza rivestimento per lo stoccaggio o la lavorazione di fluidi, costruiti in fabbrica o in loco, non pressurizzati o pressurizzati, per l'uso fuori terra.
In combinazione con i principi per la fabbricazione di materiali a pressione secondo EN 13121-3:2016, le condizioni di specifica e le condizioni di accettazione delle materie prime assicurano che il serbatoio o il recipiente sia in grado di soddisfare i requisiti di progettazione, in particolare per quanto riguarda la resistenza chimica/termica e i requisiti di sostegno della pressione e del carico.
I serbatoi e i recipienti per lo stoccaggio o la lavorazione di alimenti, materie prime per alimenti e acqua potabile saranno inoltre conformi alle direttive UE pertinenti e alle norme e ai regolamenti nazionali applicabili.

Materie plastiche - Riciclo a ciclo controllato di profili in PVC-U da finestre e porte

La norma specifica il ciclo controllato e la definizione di quelle fasi di trasformazione dei materiali che sono rilevanti per la qualità del prodotto, in particolare l'entrata e l'uscita del processo di riciclo e l'entrata e l'uscita della produzione di profili.
Gli strumenti di tracciabilità sono specificati per caratterizzare questo ciclo come un ciclo controllato.
La norma fa riferimento alle metodologie di qualità e di prova esistenti per il PVC riciclato da utilizzare nei profili in PVC-U per finestre e porte.
La norma stabilisce il trattamento a ciclo controllato dei profili in PVC in linea con la comprensione generale dei cicli di vita come indicato nella UNI EN 15804.

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Polipropilene (PP) - Parte 3: Raccordi

La norma specifica le caratteristiche dei raccordi di polipropilene (PP) dei sistemi di tubazioni destinati alle installazioni di acqua calda e fredda all'interno degli edifici per il trasporto di acqua sia per uso umano (sistemi domestici) che non, e per riscaldamento a pressioni e temperature di servizio corrispondenti alla classe di applicazione (vedere UNI EN ISO 15874-1:2013 - Prospetto 1).
La norma si applica ai seguenti tipi di raccordi:
- raccordi con bicchiere a fusione;
- raccordi per elettrofusione;
- raccordi meccanici;
- raccordi con inserti incorporati.

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Polietilene reticolato (PE-X) - Parte 3: Raccordi

La norma specifica le caratteristiche dei raccordi di polietilene reticolato (PE-X) per le installazioni di acqua calda e fredda.

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Polibutene (PB) - Parte 3: Raccordi

La norma specifica gli aspetti generali dei raccordi per i sistemi di tubazioni di polibutene-1 (PB-1) destinati alle installazioni di acqua calda e fredda all'interno degli edifici per il trasporto di acqua sia per uso umano (sistemi domestici) che non e per riscaldamento, a pressioni e temperature di servizio corrispondenti alla classe di applicazione (vedere UNI EN ISO 15876-1).
La designazione polibutene è utilizzata insieme all'abbreviazione PB nella presente norma.
Questa norma riguarda una gamma di condizioni di servizio (classi di applicazioni), la pressione di servizio e le classi dimensionali delle tubazioni. Non si applicano valori di TD, Tmax e Tmal maggiori di quelli del Prospetto 1 della UNI EN ISO 15876-1.
La norma specifica inoltre i parametri di prova per i metodi di prova di riferimento.
In combinazione con le altre parti della UNI EN ISO 15876, questa parte è applicabile ai raccordi di PB, e a raccordi fatti di altri materiali che sono idonei al montaggio con tubi conformi alla UNI EN ISO 15876-2 nelle installazioni per acqua calda e fredda, per i quali le giunzioni sono conformi ai requisiti della UNI EN ISO 15876-5.
La norma si applica ai seguenti tipi di raccordi:
- raccordi per fusione nel bicchiere;
- raccordi a elettrofusione;
- raccordi meccanici;
- raccordi con inserti incorporati.

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Policloruro di vinile clorurato (PVC-C) - Parte 3: Raccordi

La norma specifica le caratteristiche dei raccordi di policloruro di vinile clorurato (PVC-C) per i sistemi di tubazioni utilizzati in acqua calda e fredda all'interno degli edifici per uso umano e non, e per riscaldamento.

Sistemi di tubazioni multistrato per le installazioni di acqua calda e fredda all'interno degli edifici - Parte 3: Raccordi

La norma specifica le caratteristiche generali dei raccordi per i sistemi di tubazioni multistrato per le installazioni di acqua calda e fredda all'interno degli edifici per il trasporto di acqua sia per consumo umano che per riscaldamento. La norma è applicabile a raccordi meccanici, per fusione e saldatura chimica (incollaggio).

Sistemi di tubazioni di materie plastiche per le installazioni di acqua calda e fredda - Polietilene a elevata resistenza alla temperatura (PE-RT) - Parte 3: Raccordi

La norma specifica le caratteristiche dei raccordi dei sistemi di tubazione di polietilene resistente alla temperatura elevata (PE- RT), Tipo I e Tipo II per le installazioni di acqua calda e fredda per uso umano e non, e per riscaldamento. La norma si applica ai seguenti tipi di raccordi:
- raccordi meccanici;
- raccordi a fusione con bicchiere;
- raccordi ad elettrofusione;
- raccordi con inserti incorporati.

Materie plastiche - Valutazione della biodegradabilità intrinseca dei materiali esposti a inoculi marini in condizioni aerobiche mesofile di laboratorio - Metodi di prova e requisiti

Il norma specifica i metodi e i criteri di prova per dimostrare la biodegradabilità intrinseca in ambienti marini di materie plastiche vergini e polimeri senza alcuna esposizione ambientale preliminare o pretrattamento.
I metodi di prova applicati in questa norma sono eseguiti a temperature nell'intervallo mesofilo in condizioni aerobiche e mirano a mostrare la biodegradabilità finale, cioè la conversione in anidride carbonica, acqua e biomassa.
Questa norma non valuta né i costituenti, come i metalli regolamentati o le sostanze pericolose per l'ambiente, né i potenziali effetti eco-tossici ma solo la biodegradabilità intrinseca. Questi aspetti saranno considerati in una norma separata che definisce l'impatto ambientale complessivo dei prodotti rilasciati intenzionalmente o accidentalmente nell'ambiente marino.
Questa norma non definisce le prestazioni dei prodotti realizzati con materiali plastici biodegradabili e polimeri biodegradabili. La durata e le velocità di biodegradazione in mare dei prodotti realizzati con materiali plastici biodegradabili sono generalmente influenzati dalle condizioni ambientali specifiche e dallo spessore e dalla forma.
Anche se i risultati potrebbero indicare che i materiali plastici e i polimeri sottoposti a prova si biodegradano nelle condizioni di prova specificate ad un certa velocità, i risultati di qualsiasi esposizione di laboratorio non possono essere estrapolati direttamente agli ambienti marini nel sito effettivo di utilizzo o di dispersione.
Questa norma non si applica alle dichiarazioni di "biodegradabilità marina" dei materiali plastici biodegradabili. A tal fine, si vedano le norme relative di prodotto, se disponibili.
Lo schema di prova specificato in questa norma non fornisce informazioni sufficienti per determinare la velocità di biodegradazione specifica (cioè la velocità per area superficiale disponibile) del materiale in prova. A tal fine, si vedano le norme pertinenti sulla velocità di biodegradazione specifica, se disponibili.

Vuoi associarti a Uniplast?

Contattaci per avere maggiori informazioni e ricevere il modulo di iscrizione.